Nessuno escluso! Per diritti e welfare universali contro l’omofobia

Mentre associazioni e forze omofobe, oscurantiste e neo-fasciste portano avanti da mesi un’offensiva, a partire dalla campagna contro la fantomatica Teoria Gender nelle scuole, che ha l’obiettivo di impedire qualsiasi forma di riconoscimento dei diritti per le coppie omosessuali e che va verso un nuovo family day, abbiamo il bisogno di una vera e propria risposta di popolo che, oltre al supporto della libertà di orientamento sessuale e della volontà di autodeterminazione affettiva, pratichi una battaglia di tutte e tutti contro la subalternità.
La chiamata alla mobilitazione dell’associazionismo nazionale Lgbt rappresenta un fatto politico importante, soprattutto perché pone una sfida decisiva: mettere i diritti lgbt e la lotta alle discriminazioni al centro di un’agenda programmatica comune per la trasformazione generale della società, per un modello basato su uguaglianza, pari opportunità per tutti, autodeterminazione dei singoli.

Lo diciamo chiaramente: il Ddl Cirinnà può costituire un passo in avanti rispetto allo stato di cose attuali, ma non è la legge che i movimenti lgbt chiedono da tempo, né rappresenta per noi un avanzamento decisivo per l’affermazione della piena eguaglianza delle famiglie e per i diritti degli individui: il Governo ha una grave responsabilità nell’aver legittimato una mediazione al ribasso sul fronte dei diritti, che durante la discussione parlamentare rischia di mutilare ulteriormente il testo di legge, come nel caso della stepchild adoption. Non possiamo permetterci di annacquare le nostre rivendicazioni o di legittimare con un consenso indiretto il gioco al ribasso sui diritti lgbt portato avanti dal Governo e dal Partito Democratico.

Non possiamo inoltre non esprimerci rispetto all’ennesimo convegno contro la fantomatica “teoria gender” fissato a Monza dalla destra affamata di voti ed esprimiamo quindi tutta la nostra contrarietà ad un evento che non fa altro che fornire informazioni fasulle e dettate da una visione distorta della società.

Noi non ci stiamo e rimaniamo dalla parte di chi vuole essere libero di sentirsi come vuole, contro chi in nome dei propri figli porta avanti discriminazione ed odio volti solamente a mantenere un presente retrogrado e discriminante.

Non è pensabile che si vada ancora parlando di “teoria Gender” utilizzando un pretesto vuoto come strumento di convincimento e di falsa informazione. Esistono i Gender Studies che sono studi di alcune università per comprendere meglio tutte le questioni inerenti al genere, molto distanti dalla “teoria Gender” che – a detta di alcuni – abolisce qualsiasi distinzione tra uomo e donna.

Siamo indignati ancor più perché questo convegno si svolgerà in uno spazio pubblico, che non può e non deve essere concesso a chi semina divisione sociale ed incita all’odio; per questo chiediamo che l’amministrazione della città dichiari in modo compatto la sua contrarietà all’iniziativa.

Scenderemo in piazza per debellare queste reminiscenze di bigottismo, coinvolgendo la cittadinanza tutta per dimostrare che l’amore è più forte di chi si vuole fare giudice di un mondo che spesso non conosce.

Scenderemo in piazza per dire alla Regione e a tutte le amministrazioni comunali che non è accettabile concedere spazi pubblici ad associazioni retrograde, che vedono nell’educazione sessuale nelle scuole qualcosa di scandaloso e che continuano a non capire che la parità di diritti non è discutibile e non si può mediare al ribasso.

Il 23 gennaio saremo in piazza con la volontà di aprire una nuova fase di mobilitazione per l’ottenimento di pieni diritti per tutte le famiglie, a partire dall’istituzione del matrimonio e fra persone dello stesso sesso e del diritto di adozione per le coppie omosessuali, e per un profondo cambiamento sociale e culturale, attraverso la promozione dei saperi e degli studi di genere, l’estensione del concetto di famiglia oltre gli schemi tradizionali, il ripensamento del welfare in ottica universale, perché nessuno sia più vittima di esclusione sociale e di discriminazioni. Non ci fermeremo affatto il 23 gennaio, ma rilanceremo su una stagione lunga di mobilitazione e di conflitti per i diritti delle coppie omosessuali, l’educazione sessuale e alle differenze contro l’omofobia, un welfare universale per l’emancipazione di tutte e tutti, sulla base dei contenuti di questa piattaforma. Nessuno escluso!

 

Piazze in cui saremo presenti il 23 Gennaio:

Milano

Evento Fb:  https://www.facebook.com/events/1683275998623800/

Federico: 3317353635

 

Bergamo

Evento Fb: https://www.facebook.com/events/1559263084364330/

Luca: 3426169030

 

Varese

Evento Fb: https://www.facebook.com/events/1665837623628360/

Cassandra: 3488346890

 

Presidio a Monza il 24 Gennaio:

Mattia: 3935472211

Be the first to comment on "Nessuno escluso! Per diritti e welfare universali contro l’omofobia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*